Vai a sottomenu e altri contenuti

Green pass per accedere agli edifici comunali. Chi ha l'obbligo e informativa sulla Privacy

Data pubblicazione on line: 15/10/2021

Stintino, 15 ottobre 2021 - Per effetto del DPCM 12 ottobre 2021 in materia di ''obbligo di possesso e di esibizione della certificazione COVID-19'' nell'ambito delle pubbliche amministrazioni, dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021, termine attuale dello stato di emergenza, sono obbligati a possedere ed esibire il certificato verde COVID-19 (Green Pass), per accedere ai locali/uffici comunali le seguenti categorie:

  • tutti i lavoratori del settore pubblico;
  • tutti i soggetti che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa o di formazione o di volontariato presso le sedi comunali, anche sulla base di contratti esterni, ivi compresi i lavoratori autonomi, i tirocinanti e i collaboratori non dipendenti;
  • tutti i soggetti che accedono ai locali comunali per lo svolgimento di una attività propria o per conto del proprio datore di lavoro;
  • tutti soggetti titolari di cariche elettive o di cariche istituzionali di vertice. Segnatamente: il Sindaco, gli Assessori e i Consiglieri comunali.


L'obbligo non si applica a:

  • gli utenti dei servizi resi dal Comune di Stintino (soggetti che si recano presso gli Uffici Comunali per l'erogazione di un servizio)
  • i soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con Circolare del Ministero della salute;

INFORMATIVA AI SENSI DEGLI ARTICOLI 12 e ss. DEL REGOLAMENTO UE 679/2016 E DEL D.LGS. N. 196/2003 COME MODIFICATO DAL D.LGS. N.101/2018


Base giuridica del trattamento:


Il trattamento dei dati personali è finalizzato esclusivamente alla verifica, da parte del Datore di lavoro o suoi delegati, del possesso delle certificazioni verdi digitali COVID-19 (cd. ''Green Pass'') in corso di validità, per consentire l'accesso giornaliero a chi accede ai luoghi di lavoro. La base giuridica del trattamento dei dati è costituita dall'art. 1 del D.L. 127 del 21/09/2021 ai sensi del quale, al fine di prevenire la diffusione dell'infezione da SARS-CoV-2, per consentire l'accesso ai luoghi di lavoro, nell'ambito del territorio nazionale, in cui il personale svolge l'attività lavorativa, è fatto obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19.

Pertanto, la base giuridica del trattamento dei dati è costituita dalla necessità di adempiere ad un obbligo legale al quale è soggetto il Titolare del trattamento, nonché di eseguire un compito di interesse pubblico o connesso all'esercizio di pubblici poteri, rispettivamente ai sensi degli artt. 6, par. 1 lett. c) ed e), 9, par. 2, lett. g) del Regolamento UE 679/2016.


Natura del conferimento dei dati personali


Considerata la base giuridica, per il trattamento dei dati personali non è richiesto il consenso dell'interessato. L'eventuale mancato possesso o la mancata esibizione della certificazione verde Covid-19, salvo i casi di esenzione, determina l'impossibilità per l'Amministrazione di utilizzare i dati per le finalità indicate, con la conseguenza che non sarà possibile l'accesso ai luoghi di lavoro, con le relative conseguenze previste per legge.


Finalità del trattamento:

I dati personali sono trattati dal Titolare del trattamento o da un suo delegato al fine ''di prevenire la diffusione dell'infezione da SARS-CoV-2'' e della ''tutela della salute pubblica e delle persone presenti all'interno dei luoghi di lavoro''.

Modalità del trattamento:

Il Titolare del trattamento (per il tramite di un suo delegato appositamente designato con atto formale), effettuerà il controllo del possesso della Certificazione verde COVID-19 (green pass) preventivamente all'accesso ai locali dell'edificio. Il controllo verrà effettuato richiedendo l'esibizione della Certificazione verde COVID-19 (green pass) in formato digitale o cartaceo e procedendo alla verifica della validità di tale certificazione esclusivamente attraverso l'applicazione mobile ''Verifica C19'' installata su dispositivo mobile di servizio.

''Verifica C19'' è l'app ufficiale del governo italiano, sviluppata dal Ministero della Salute in collaborazione con il Ministero per l'Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione, il Ministero dell'Economia e delle Finanze e il Commissario Straordinario per l'Emergenza COVID-19, per abilitare gli operatori alla verifica della validità e dell'autenticità delle Certificazioni verdi COVID-19 prodotte in Italia dalla piattaforma nazionale ''DGC'' del Ministero della Salute e dei ''Certificati europei digitali COVID'' (''EU Digital COVID Certificate'') rilasciati dagli altri stati membri dell'Unione Europea.

L'app è sviluppata e rilasciata nel pieno rispetto della protezione dei dati personali dell'utente e della normativa vigente, in particolare del D.L. 22/4/2021, n. 52, nonché delle specifiche tecniche europee ''Digital COVID Certificate'' approvate dall'''eHealth Network'' dell'Unione Europea.

L'applicazione VerificaC19 è conforme alla versione europea, ma ne diminuisce il numero di dati visualizzabili dall'operatore per minimizzare le informazioni trattate.

L'app ''VerificaC19'' consente la verifica della validità delle Certificazioni verdi COVID-19 e degli ''EU Digital COVID Certificate'' attraverso la lettura del codice ''QR'' del certificato inquadrato dal dispositivo mobile, e non prevede né la memorizzazione né la comunicazione a terzi delle informazioni scansionate (la verifica avviene in modalità offline).

Utilizzando la app viene letto il codice ''QR'' del certificato e ne viene verificata l'autenticità utilizzando la chiave pubblica di firma del certificato.

Una volta decodificato il contenuto informativo della Certificazione verde COVID-19 o dell'''EU Digital COVID Certificate'', la app mostra le informazioni principali in esso contenute: nome, cognome e data di nascita dell'intestatario del certificato; validità del certificato (verificata rispetto alle date in esso contenute e alle regole in vigore in Italia per le ''Certificazioni verdi COVID-19'').

Il QR Code non rivela l'evento sanitario che ha generato la Certificazione verde e le uniche informazioni personali visualizzabili dall'operatore sono appunto solo quelle necessarie per assicurarsi che l'identità della persona corrisponda con quella dell'intestatario della Certificazione.

Effettuato il controllo della Certificazione, esclusivamente allo scopo di contrastare eventuali casi di abuso o di elusione dell'obbligo di possesso del green pass, è altresì possibile richiedere al soggetto possessore della Certificazione verde esibita, la dimostrazione della propria identità personale mediante l'esibizione di un documento di identità.

La verifica dell'identità della persona in possesso della certificazione verde è finalizzata a garantire il legittimo possesso della certificazione medesima.

Non è consentita la raccolta, la conservazione o altre operazioni di trattamento dei dati personali contenuti nella Certificazione verde COVID-19 (green pass) o nella certificazione medica per la esenzione dalla campagna vaccinale. Non è consentito trascrivere o annotare dati personali contenuti nelle Certificazioni verdi, o raccogliere copie di documenti comprovanti l'avvenuta vaccinazione anti Covid-19.

Il controllo dovrà essere effettuato nel rispetto della riservatezza e della dignità della persona interessata, avendo cura di prevenire ogni occasione di indebita accessibilità ai dati da parte di terzi.

Il trattamento dei dati personali verrà effettuato con l'adozione di misure tecniche e organizzative adeguate e strumenti idonei a garantirne la riservatezza, l'integrità e la disponibilità, nel rispetto dei principi di necessità e minimizzazione stabiliti dall'art. 5 del GDPR.

Periodo di conservazione:

Considerato che non è prevista la registrazione, né la conservazione dei dati personali contenuti nella Certificazione verde COVID-19 (green pass) o della certificazione medica per la esenzione dalla campagna vaccinale, il loro utilizzo sarà limitato al tempo strettamente necessario al raggiungimento delle finalità sopra indicate. Saranno conservati, invece, i dati relativi alle verifiche e le comunicazioni riguardanti i soggetti non in possesso della certificazione richiesta.

Si precisa che per quanto riguarda i dati contenuti nella certificazione verde Covid-19, quali l'avvenuta vaccinazione, la negatività e/o la guarigione del soggetto interessato, il Titolare del trattamento dei dati è il Ministero della Salute.

Al fine di dare esecuzione agli adempimenti derivanti dagli artt. 6, par. 1 lett. c) ed e) e 9, par. 2, lett. g) del Regolamento UE 679/2016 e dall'art. 1 del D.L. 127 del 21/09/2021, si pubblica in allegato l'informativa da rendere agli interessati ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 679/2016.

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Informativa sulla Privacy - (Esibizione del Green Pass) Formato pdf 64 kb

A chi rivolgersi

A chi rivolgersi - Referente
Ufficio/Organo: Sindaco
Referente: Antonio Diana
Indirizzo: Via Torre Falcone sn, 07040 Stintino (SS)
Telefono: -
Fax: -
Email:
Email certificata:
Scheda ufficio: Vai all'ufficio
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto