Vai a sottomenu e altri contenuti

«Carcere all’Asinara, visione superata»

Numero: 3 Data: 25/01/2016 15:00 Categoria: Informative Sindaco

Intervento del sindaco di Stintino e vicepresidente del Parco Antonio Diana.

Stintino, Il sindaco Antonio DianaStintino 25 gennaio 2016 - «In questi giorni ho sentito e letto dell'idea - per fortuna rientrata - di volere portare i terroristi jihadisti sull'isola dell'Asinara. Mi è sembrata da subito una visione ottusa e anacronistica.

Non voglio entrare nel merito di come fosse tenuta l'Asinara all'epoca del carcere. Di sicuro oggi il Parco è una garanzia per la tutela dell'ambiente ma, ancora di più, è una risorsa turistica ambientale. Sono decine di migliaia le persone che lo scorso anno l'hanno visitato e sempre più stuzzicherà l'interesse degli ospiti della Sardegna e dei sardi stessi. Diverrà nel tempo il principale attrattore Ambientale della nostra Isola».

«Il Parco è anche sviluppo economico, già decine di persone vi lavorano e ricavano reddito per loro e per le famiglie».

«Delle migliaia di turisti che in questi anni hanno fatto tappa sull'Asinara, ben poche hanno considerato che l'isola fosse meglio con il carcere. Il Comune di Stintino e il Comune di Porto Torres, al di la delle diverse vedute che si possono avere, investono proprie e importanti risorse per la crescita dell'Asinara.

Resta ferma la convinzione che il Parco è ambiente, economia e crescita sostenibile per il territorio».

Il sindaco di Stintino e vicepresidente del Parco dell'Asinara Antonio Diana

A chi rivolgersi

A chi rivolgersi - Referente
Ufficio/Organo: Ufficio Stampa
Referente: Andrea Bazzoni
Indirizzo:
Telefono: -
Fax: -
Email:
Email certificata:
Scheda ufficio: Vai all'ufficio
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto